Pranzo di Gala della Chaîne des Rotisseurs

28 Maggio, 2022 Published in Events

Il mio viaggio nella bellezza legata al desiderio di condividere stile, eleganza, gentilezza dei modi e tradizioni ancestrali mi ha portata a conoscere una realtà affascinante, la Chaîne des Rôtisseurs. La sua storia risale al Medio Evo, si stava vivendo un momento di crisi che portò con sé un moto di rinnovamento culturale e politico; fu allora che nacquero i “corpora o collegia”, gruppi di persone legate dalla comunanza di funzioni o di professioni. Tra questi ve n’era uno, “corpora sodalitates o fratriae”, i cui aderenti perseguivano scopi eminentemente “conviviali”. Con il tempo questi collegi mutarono, si evolsero, mantenendo sempre il legame di fraternità tra membri che li contraddistingueva, e si estesero a livello internazionale.
Tra queste non poteva mancare la confraternita dei cuochi, gli Oyers o Oyeurs, consacrata solennemente da Luigi IX con il nome di “Corporation des Rôtisseurs”. Nel 1610 Luigi XIII la riconobbe ufficialmente e le concesse le insegne araldiche, due spiedi incrociati in campo rosso circondati dai gigli di Francia, che ancor oggi ne sono il simbolo. Le vicissitudine storiche portarono alla sua decadenza, all’abolizione e poi alla rinascita grazie a uomini e donne fortemente convinti che la condivisione di piaceri e valori fosse qualcosa di importante da perpetuare nel tempo.

Oggi la Chaîne des Rôtisseurs mantiene il simbolo araldico e un’organizzazione piramidale, vi si può accedere solo se invitati da un socio e, se si rimane affascinati e interessati alla loro filosofia e alle loro attività, si può richiedere di farne parte. L’ammissione “ufficiale” dei nuovi “Confrères” avviene durante la cerimonia dell’ “Intronizzazione”.

Ho avuto il piacere di essere invitata a una cena di Gala della Chaîne des Rôtisseurs Bailliage Como presso il prestigioso e lussuoso Hotel Negresco di Nizza e qui ho avuto la possibilità di conoscere una nuova meravigliosa realtà nella quale vi sono persone che condividono l’amore per la buona cucina, il buon vino, la bellezza della ricchezza culturale e dei modi affabili.

La serata è iniziata con un aperitivo nella maestosa sala nella quale troneggia il ritratto di Luigi XIV° realizzato in tre copie dal pittore di corte Hyacinthe Rigaud, le altre due tele sono esposte una a Versailles e una al Louvre. Champagne, stuzzichini e una prima iniziale conoscenza sono stati un ottimo preludio per il proseguo della serata. La cena è stata servita nella sala La Rotonde, elegantemente contemporanea. Abbiamo iniziato con uno stuzzicante antipasto di stagione seguito da una tartare di branzino della Baia Di Cannes con limone, fevettes nizzarde e aceto; poi asparagi della Provenza con salsa tandoori e agrumi; come portata principale è stato servito il polipo di De Roche, patate viola, insalata e nuvola di zenzero candita. Per finire una Pavlova con frutti rossi e dolcetti. Il tutto accompagnato da bottiglie di Domaine Gavoty Les Cigales e Château d’Or et de Gueules.

Una splendida serata che spero sarà preludio di molte…

“La scoperta di un piatto nuovo è più preziosa per il genere umano che la scoperta di una nuova stella.” (Anthelme Brillat-Savarin)

My journey into the beauty, linked to the desire to share style, elegance, kindness of ancestral ways and traditions, led me to know a fascinating Chaîne des Rôtisseurs. Its history dates back to the Middle Ages, it was a moment of crisis that brought with it a movement of cultural and political renewal; at that time the “corpora or collegia” were born, groups of people linked by the commonality of functions or professions. Among these was one, “corpora sodalitates or fratriae”, whose adherents pursued eminently “convivial” purposes. Over time these colleges changed, evolved, always maintaining the bond of fraternity between members, and abroad at the international level. Among these could not miss the brotherhood of cooks, the Oyers or Oyeurs, solemnly consecrated by Louis IX with the name of “Corporation des Rôtisseurs”. In 1610 Louis XIII officially recognized it and granted it the heraldic insignia, two crossed skewers on a red field surrounded by the lilies of France, which are still its symbol today. The historical vicissitudes led to its decadence, abolition and then its rebirth thanks to men and women strongly convinced that the sharing of pleasures and values was something important to perpetuate over time. Today the Chaîne des Rôtisseurs maintains the heraldic symbol and a pyramidal organization, you can accesse if you are invited by a member and, if you are fascinated and interested in their philosophy and their activities, you can request to be part of it. The “official” admission of a new “Confrères” takes place during the “Enthronement” ceremony. I had the pleasure of being invited to a Gala dinner of the Chaîne des Rôtisseurs Bailliage Como at the prestigious and luxurious Hotel Negresco in Nice and here I had the opportunity to meet a new wonderful reality in which there are people who share the love for good food, good wine, the beauty of cultural richness and affable ways. The evening began with an aperitif in the majestic room in which stands the portrait of Louis XIV ° made in three copies by the court painter Hyacinthe Rigaud, the other two are exhibited at Versailles and at the Louvre. Champagne, appetizers and a first initial acquaintance were an excellent prelude to a very nice evening. Dinner was served in the elegantly contemporary La Rotonde restaurant. We started with a tantalizing seasonal appetizer followed by a Bay of Cannes sea bass tartare with lemon, nice fevettes and vinegar; then Provence asparagus with tandoori sauce and citrus; as main course was served De Roche octopus, purple potatoes, salad and cloud of candied ginger. To finish a Pavlova with red fruits and sweets. All accompanied by bottles of Domaine Gavoty Les Cigales and Château d’Or et de Gueules. A wonderful evening that I hope will be a prelude to many others… “The discovery of a new dish does more for the happiness of the human race than the discovery of a star.” (Anthelme Brillat-Savarin)

www.hotel-negresco-nice.comchaine-des-rotisseurs.it/it/la-chaine/organizzazione/la-chaine-in-italiawww.facebook.com/chainedesrotisseursitalywww.facebook.com/dolcissimame.it

Leave a Comment

Your email address will not be published. The mandatory fields are marked with *

Captcha loading...