Il lusso del copricapo

12 Gennaio, 2022 Published in Fashion

Lo stile è quel non so che d’innato che alberga nella nostra anima e che esprimiamo attraverso la scelta di un capo d’abbigliamento, di un colore o di un accessorio. Tra gli accessori fino a qualche tempo fa lasciati in un angolo del nostro guardaroba c’è il cappello che ora timidamente sta riaffiorando, mostrando tutta la sua personalità e carattere. Infatti proprio come un gioiello, una borsa o un paio di scarpe è capace di dare quel tocco glamour al nostro look, personalizzandolo e regalandogli quel tocco in più.

In Inghilterra non è mai passato di moda e a corte sia la Regina Elisabetta che Kate Middleton ne sono un bellissimo esempio. Esempio che si sta diffondendo nel modo e sta affascinando anche l’Italia. Ho conosciuto una modista molto capace e creativa che ha fatto della sua passione un lavoro. Le creazioni di Stefania Belfiore sono fatte con amore a mano, utilizzando tecniche di antica tradizione, tessuti pregiati e creando un equilibrio tra forma e colori.

Il lavoro di Stefania è fatto con il cuore ponendo grande attenzione alla sostenibilità, utilizza feltro ottenuto dalla tosatura senza violenza e fibre naturali; i consumi e gli scarti sono contenuti al massimo; inoltre all’interno di ogni cappello vi è applicato un fiocco rosa in supporto all’AIRC per la ricerca sul cancro nelle donne.

Tra le sue creazioni più significative e accattivanti c’è il cappello “Iroco”, ispirato al Colosseo, che ha vinto il premio “The feltmakers Award” Premio per “Utilizzo innovativo del feltro” durante il concorso di design Feltmaker indetto da Rachel Trevor Morgan, modista ufficiale della Regina d’Inghilterra; “Kaira”, ispirato agli orologi molli di Salvador Dalì, esposto alla mostra a lui dedicata a Palma di Maiorca; “Cuvos” che sarà presto esposto a Parigi nella mostra dedicata a Fabergé, trae ispirazione da queste inestimabili opere e rappresenta la cupola di San Pietro che si dischiude.

Stefania ci rende omaggio di un dolce abruzzese, sua terra d’origine, il Parrozzo, a cui Gabriele D’Annunzio dedicò un sonetto: “È tante ‘bbone stu parrozze nove che pare na pazzie de San Ciattè, c’avesse messe a su gran forne tè la terre lavorata da lu bbove, la terre grasse e lustre che se coce e che dovente a poche a poche chiù doce de qualunque cosa doce.”

Style is in our soul and we express it through the choice of a dress, a color or an accessory. There is an accessories that has stayed for a long time in a corner of our wardrobe and now is timidly resurfacing, showing its personality and character: the hat. Just like a jewel, a bag or a pair of shoes, it is able to give a glamorous touch to our look, customizing in a special way. In England it is so loved and Queen Elizabeth and Kate Middleton are a beautiful example of this love. Now it is spreading in the world and is also fascinating Italy. I met a very capable and creative milliner. The Stefania Belfiore’s handmade creations are made with love, using ancient techniques and fine fabrics to create a perfect balance between shape and colors. Stefania’s hats are done with heart paying great attention to sustainability, using felt obtained from shearing without violence and natural fibers; consumption and waste are contained; also inside each hat there is a pink bow in support of the AIRC for women cancer research. Among her most significant and captivating creations there are: the “Iroco”, inspired by the Colosseum, it won the “The feltmakers Award” for “Innovative use of felt” during the Feltmaker design competition organized by Rachel Trevor Morgan, the official milliner of Queen Elisabeth; “Kaira”, inspired by the soft watches of Salvador Dali, showed at the exhibition dedicated to him in Palma de Mallorca; “Cuvos”, it will be exhibited in Paris in the exhibition dedicated to Fabergé, draws inspiration from these priceless works of art , it represents the dome of St. Peter’s that unfolds.

Stefania give us a gift which pays a tribute her homeland, Abruzzo, the Parrozzo sweet, Gabriele D’Annunzio dedicated a sonnet to it.

www.modistastybel.itwww.facebook.com/modistastybelhwww.facebook.com/dolcissimame.it

Leave a Comment

Your email address will not be published. The mandatory fields are marked with *