Elisabetta Franchi FW1819

5 Marzo, 2018 Published in Fashion

Gli anni ’70 si sono caratterizzati per lo spirito di trasgressione e innovazione, per la grande creatività, la voglia di affermazione e di conseguenza le grandi rivoluzioni. Furono gli anni in cui le donne, pienamente consapevoli  della loro forza, hanno cominciato a far sentire la loro voce, a manifestare e ad indossare la minigonna. L’universo femminile afferma la propria bellezza interiore ed il proprio fascino che riesce a unire ironia, carisma e intelligenza. Questo decennio e una delle donne italiane che meglio ha incarnato questo spirito, Monica Vitti, hanno ispirato Elisabetta Franchi per la sua nuova collezione.

La stilista ha inoltre scritto una lettera aperta contro le barbarie a cui vengono sottoposti molti cani randagi: “Sono indignata e profondamente addolorata per quello che sta accadendo ai cani randagi in alcune regioni di Italia, in Sardegna, Calabria, Campania, Puglia ed in particolare modo in Sicilia, dove il randagismo non è stato gestito adeguatamente dalle autorità competenti”… Elisabetta Franchi.

The ’70 were characterized by the spirit of transgression and innovation, by the creativity, the desire to claim and therefore big revolutions. These were the years in which women, fully aware of their strength, began to express themselves and to wear the miniskirt. The feminine universe affirms its inner beauty and charm that combine irony, charisma and intelligence. This decade and one of the Italian women who best embodied that spirit, Monica Vitti, inspired Elisabetta Franchi for her new collection.
The designer has also written a letter against the barbarism that undergo many stray dogs: “I am outraged and deeply saddened by what is happening to the dogs in some regions of Italy, Sardinia, Calabria, Campania, Puglia and especially in Sicilia, where straying was not handled properly by the competent authorities”… Elisabetta Franchi.

www.elisabettafranchi.com www.facebook.com/ELISABETTA-FRANCHI/ – www.facebook.com/dolcissimame.it/

Leave a Comment

Your email address will not be published. The mandatory fields are marked with *